Gazzettino - Quello che succede nel Nord


Finale dei Giochi di Everlund C.V. Anno del Calderone
I vincitori

Disfida d'Arena
Airao Luhalyr
Graden Kolossal


Gara d'Arco
Thyanel

Agone Poetico
Malakai Makaisson
Il Gatto


Spaccacrani
Gottinam


13 di Flamerul C.V. Anno del Calderone
Dodicesima Giornata dei Giochi di Everlund

La notizia è ancora fresca. Il pubblico sugli spalti non sembra patire il caldo che oggi incombe su Everlund. L'ultimo combattimento di tutte le disfide si svolge tra Graden Kolossal ed Eloisa la mezzorca.
La platea sembra parteggiare spudoratamente per quest'ultima, che invero si ritrova ingaggiata da uno scalpitante Graden, già su di lei. Il suo colpo va a segno, ma non è abbastanza potente da spaccare l'armatura di Eloisa, che riceve solo danni da botta.
La mezzorca reagisce prontamente e con un colpo di spadone quasi divide a metà Graden sulla zona della vita. Ma la furia della battaglia viene risvegliata proprio da quel colpo. La furia si impossessa del barbaro ed un solo colpo basta per spedire Eloisa al tappetto in un fiume di sangue.
La vittoria della disfida e del torneo va a Graden Kolossal, riservando un onorevole terzo posto alla beniamina del pubblico.


11 di Flamerul C.V. Anno del Calderone
Decima Giornata dei Giochi di Everlund

Il primo pomeriggio si apre con uno degli ultimi duelli della disfida d'arena,livello apprendisti.
Il chierico Acul, dopo aver presentato strenua ma inutile difesa contro i colpi di Eloisa,cerca riscatto nel trovare la vittoria contro Elemiah, anch'ella volenterosa di rifarsi dalla disfatta contro Graden Kolossal.
E' invero di più il tempo utilizzato per le presentazioni che per il duello vero e proprio. Acul parte per primo,ma le pesanti corazze lo rendono goffo,e perde l'arma dalle mani tra i fischi del pubblico.
Elemiah a questo punto ha la vittoria in tasca, e scarica con potenza un fendente verso la spalla di Acul, che esplode in un connubio di muscoli recisi e sangue.
La vittoria va ad Elemiah che, intatta, termina qui insieme al contendente il suo percorso come condottiero del torneo. Ai due non rimane altro da fare se non godersi gli ultimi scambi che vedranno Graden Kolossal contro Eloisa.

Ed è arrivato lo scontro più importante, quello decisivo... Airao Luhalyr, finora imbattuto, contro Alex Corvin, il campione dell'anno scorso.
Alex, appena viene dato il via allo scontro, è il più veloce e la sua spada si infrange contro la carne di Airao, che si infuria e ricorre a tutta la sua rabbia, gonfiandosi e gridando al cielo.
E colpisce, colpisce violentemente come la sua forza gli comanda.
Lo scontro si sussegue con colpi di spada dall'una e dall'altra parte, più potenti quelli dell'albino che continua a squarciare la carne del Capitano delle guardie.
Tuttavia, forse la troppa violenza impressa al braccio e la velocità dello spadone, Airao si sbilancia e, dopo un giro su sé stesso, cade carponi, dando le spalle ad Alex. Il Capitano potrebbe chiudere lo scontro, ma l'onore e la cavalleria gli impediscono di infierire sullo sfidante caduto.
Airao, cieco dalla rabbia, si rialza e si scaglia nuovamente su Alex, che para i colpi di una violenza inaudita con lo scudo, arretrando di qualche centimetro. Il contraccolpo impedisce ad Alex di attaccare efficacemente ed Airao, con un ultimo affondo, potente, squarcia il ventre del Capitano, già martoriato.
L'uomo barbuto pone fine all'incontro e la donna, chierica, osserva le ferite dei due. Dopo un attento esame, la vittoria è del Flagello del Nord, che si allontana dal campo con i fischi del pubblico, lasciando Alex per il prossimo scontro.

Dopo lo scontro fra titani perso contro Airao, Alex con le ferite risanate da pochissimo, affronta il sottoposto Straud. La gerarchia dei valori viene rispettata, e nonostante Straud mostri la solita velocità nei colpi, e in alcuni casi un'ottima precisione, Alex è come una valanga che travolge Straud, riducendolo in fin di vita, ma senza assestargli il colpo finale, confermando il buon cuore che ha mostrato durante il torneo e negli anni passati in città.


12 di Flamerul C.V. Anno del Calderone
Undicesima Giornata dei Giochi di Everlund

Oggi 11 di Flamerul si è tenuta nell'Arena cittadina la finale della gara di Tiro con l'Arco. I finalisti qualificatisi si sono provati su una distanza superiore a quella delle qualificazioni e hanno avuto a disposizione cinque frecce a testa e non tre. Come sempre questo hanno è stata Daedin la vincitrice dello scorso anno a fare da giudice di gara. La prima freccia ha visto perdersi quella di Raylarian, il Capitano Corvin e Hinjo totalizzare il minimo dei punti e gli altri tre concorrenti cogliere il massimo punteggio con Leira che ha guadagnato una freccia in più che non ha saputo però fare fruttare.
La seconda freccia ha avuto quattro centri per Alex Corvin, Alissha, Thyanel e Hinjo, la fascia intermedia per Raylarian e la perdita del bersaglio per Leira. La terza freccia è un festival di centri col massimo punteggio tranne che per Leira che guadagna il minimo. La lettura intermedia della classifica punti rispecchia l'arrivo finale visto che le due frecce successive non fanno che consolidare le posizioni di ognuno.
Restano quindi fuori dal podio Leira (16), Hinjo (22) e Raylarian (26), al terzo posto si classifica il Capitano delle Guardie Alex Corvin (42), al secondo Alissha (46) e al primo, divenendo il campione annuale, Thyanel (48).

Nel tardo pomeriggio il Campo d'addestramento è teatro dello scontro tra il Caporale Bryceson Morion e il Flagello del Nord... Airao.
Nonostante Airao tenti di spaventare il suo avversario, Bryceson è preparato e non si lascia ingannare.
La potenza e la forza di Airao sono indiscutibili, ma stavolta i suoi colpi diventano più difficili contro la ritrovata agilità di Morion. Difficile è per il guerriero seguire tutti i movimenti del Caporale, ed è così che riesce a penetrare la difesa del mezzelfo per ben due volte...ma nulla può contro la furia di Airao che, con un colpo poderoso, toglie quasi l'ultimo respiro a Morion.
Lo scontro è vinto dal Flagello, per resa di Bryceson.

E in tarda serata, causa un ritardo di uno degli sfidanti, ecco che si aprono le danze delle lame. Straud contro Raylarian Nymraif.
Straud, veloce, inizia per primo, chiudendosi in difesa... una difesa contro la quale Raylarian nulla può fare.
Ma è il secondo attacco dell'elfo che fa nascere l'ovazione del pubblico... riesce a disarmare Straud, costringendolo a combattere con una sola arma.
Nonostante la guardia abbia un braccio più potente, imprimendo ai colpi una forza violenta, è Raylarian che schivando e con estrema agilità, riesce a causare le ferite più gravi, portando a casa la vittoria.


10 di Flamerul C.V. Anno del Calderone
Nona Giornata dei Giochi di Everlund

All'anfiteatro è di scena la disfida d'arena fra esperti, e in un combattimento fatto di finte, colpi veloci, disarmi e colpi infelici, alla fine è Raylarian a dimostrarsi superiore, finendo l'incontro con un graffietto. Alissha invece, nonostante abbia mostrato la solita agilità, oltre che di saper combattere anche solo con un coltello, chiude l'incontro in un bagno di sangue, con i fianchi scavati dalle lame di Raylarian, una coscia sanguinante proprio vicino alla safena e l'armatura sfondata in più punti.


9 di Flamerul C.V. Anno del Calderone
Ottava Giornata dei Giochi di Everlund

Si è chiusa questa notte 9 di Flamerul a mezzanotte la qualificazione per la FINALE della gara Spaccacrani.

Siamo lieti di comunicare che due concorrenti sono giunti a completare la caccia seguiti da un terzo che, come regolamento, pur non avendola completata ma essendo colui che ha risolto correttamente più enigmi viene ammesso in finale per raggiungere il numero di tre. Ecco quindi a voi i finalisti che verranno convocati al più presto per la finale:

Nicorane Orbane
Gottinam
Hinjo Nakamura



7 di Flamerul C.V. Anno del Calderone
Settima Giornata dei Giochi di Everlund

La Disfida d'Arena dell'8 di Flamerul si apre con l'ingresso in campo di Acul ed Eloisa.
Il primo, nello scontro precedente costretto alla resa per un malore, cerca riscatto contro un avversario temibile. La seconda, vittoriosa a tavolino da uno scontro con un timoroso Kastor Troy, cerca una vera sfida, ad emulare quella già avuta con Elemiah nel primo girone.

Il combattimento parte con il chierico che carica a testa bassa, stupendo tutti nell'indossare una copertura metallica davvero notevole, sia per scudo che per armatura. Nessuno dei due sembra voler andare a segno, fatto salvo per il chierico che al terzo e al quarto scambio supera le difese di Eloisa, provocandole piccoli graffi.

La mezzorca sembra bloccata dall'imponente armatura del chierico, che utilizza perfettamente la sua seconda pelle metallica. Ma la furia della Tempusita si fa sentire nell'ultimissimo assalto, quando ormai tutti la davano per sconfitta. Lo spadone cala con una violenza disumana contro il povero mezzelfo, che si vede costretto a terra, privo di sensi e con la spalla maciullata da un unico, poderoso colpo di spadone.
Eloisa si porta a casa la sudata vittoria e osserva già il suo prossimo avversario ancora imbattuto: Graden Kolossal.


6 di Flamerul C.V. Anno del Calderone
Sesta Giornata dei Giochi di Everlund

Nell'arena sotto la solita supervisione del Barba, dell'hin con la trombetta e della freddolosa donna che controlla che la magia non scenda in campo si scontrano il capitano, nonché campione in carica Alex Corvin, e la sciagura del corpo di guardia: Alissha. L'incontro è serrato, e dopo un colpo micidiale del capitano andando a segno con la forza di un colpo di cannone, Alissha danza attorno ad uno statico Alex, beffandosi di lui a tratti, che si rifugia nei molti millimetri di corazza e dietro lo scudo. E' proprio Alex ad infliggere sporadici, ma pesanti, colpi. All'ultimo assalto le difese si abbassano: Alissha colpisce Alex là dove non batte il sole, e il Capitano risponde abbandonando lo scudo e travolgendola con un assalto pieno di grinta, che ferisce pesantemente la donna, che schiva l'ultimo colpo, forse letale, sacrificando parte della chioma. Alla valutazione delle ferite è Alex a risultar più in forma, e così a lui arride la vittoria.


5 di Flamerul C.V. Anno del Calderone
Quinta Giornata dei Giochi di Everlund

La sfida tanto attesa è finalmente arrivata. I due più promettenti guerrieri armati d'ascia finalmente si scontrano all'Arena dell'Anfiteatro, dove un pubblico numeroso e scalpitante acclama i due condottieri. I preamboli sono pochi, il presentatore conosce fin troppo bene la foga del pubblico everlundiano: il combattimento inizia quasi subito. Elemiah è la prima a farsi sentire, quando, avanzando verso Graden, lo colpisce in pieno petto con la sua ascia, spaccandogli parte dell'armatura e rompendo sicuramente qualche osso. Ma Graden non si dà per vinto e procede ad innalzare la sua furia di combattimento con un'arma che solo in pochi sono in grado di usare appieno: la furia. Il colpo che mena verso Elemiah è devastante e per un istante il pubblico teme per la vita della guardia ,che invero risponde con un tentativo piuttosto i nusuale,acclamato dal pubblico: tenta di spezzare l'arma di Graden con un colpo solo. Ma il barbaro è accorto e con un gioco di leve attutisce il colpo di Elemiah, che ora si trova in totale balia della collera di Graden. L'ultimo colpo è proprio quello del barbaro che, trovando uno spazio nell'armatura di Elemiah, distrugge il pettorale e le costole della guardia, costringendo i chierici di Helm ad intervenire tempestivamente onde evitare la tragedia. Il combattimento, sanguinolento e parecchio avvincente, si conclude con Graden Kolossal vincitore.

Il sole bacia il campo dell'Arena in questo fine pomeriggio. Un'altra prova della Disfida che vede protagonisti due combattenti famosi non per la forza, ma per la grande agilità... Bryceson Morion e Raylarian Nymraif. L'elfo è il più veloce e attacca il Caporale, riuscendo a colpirlo, ma senza fargli troppo male, vuoi i fischi del pubblico che condizionano la sua concentrazione.
Il Caporale risponde, facendo sentire anche la sua lama. Lo scontro prosegue con colpi veloci da parte del ranger e finte da parte della guardia, che, tuttavia, rischia due volte di sbilanciarsi e cadere a terra. Nell'ultimo affondo, nonostante Raylarian sia stato confuso due volte dall'agilità di Bryceson, riesce ad assestare un colpo estremamente preciso anche se non potente al ventre dell'umano. La fine dello scontro è giunta e le ferite dell'uno e dell'altro decretano Raylarian il vincitore.

Ed è giunto il momento dello scontro più particolare del Torneo... il Capitano e il Caporale delle guardie di Everlund si sfidano. Il popolo accorre all'arena per vedere cosa succederà tra i due. E le danze si aprono... ma durano anche molto poco. La forza e la precisione di Alex Corvin sono tali da sfiancare l'avversario, con tre colpi ben assestati, tali da avere consensi nel pubblico. Ad un Bryceson pesantemente ferito e senza aver fatto assaggiare la propria lama all'avversario, resta soltanto dare la resa, potendo, così, farsi curare gli orrendi tagli.

In serata, Alissha l'acrobata sfida Straud la guardia. Alissha inizialmente odiata dal pubblico, che invece tiene Straud in grande considerazione, per non dire venerazione, con finte astute e con colpi precisi demolisce la stima dei paganti per il mezz'elfo e si riconciglia in parte con la folla. L'incontro è tirato, e nonostante Straud sferri un incredibile numero di colpi, solo pochi vanno a segno, e l'acrobata danza fra le sue lama schivandole quasi sempre. Seppure poche, le ferite inferte su Alissha sembrano garantire la vittoria a Straud, ma negli ultimi assalti l'acrobata Alissha trova la grinta che le è mancata in altre occasioni andando a ferire con precisione la guardia, guadagnando così la vittoria ''ai punti''.


4 di Flamerul C.V. Anno del Calderone
Quarta Giornata dei Giochi di Everlund

Il pomeriggio volge alla fine, ma ad Everlund e, soprattutto, nell'arena il popolo pare non rendersi conto del tempo.
Oggi la gara della Disfida prevede uno scontro tra forza ed agilità.
L'albino Airao combatte contro l'agile Raylarian. Lo scontro inizia con un tentativo inefficace del mezzelfo di impaurire il Primonato e, questo, attacca, graffiando con la lama l'avversario.
I successivi colpi vanno a segno da parte di entrambi, soltanto uno ad assalto...la forza di Airao respinge la velocità di Ray, ma l'agilità di questo fa breccia nella difesa assidua del mezzelfo.
L'ultimo attacco è quello più carico di suspance... Airao abbandona le proprie difese, lanciando lo scudo e scagliandosi su Rayalrian che accusa il colpo, ma è anche così agile da sferrare un doppio attacco allo sfidante.
La vittoria è decretata osservando le ferite dell'uno e dell'altro e va all'albino Airao, flagello del Nord.

In serata, si è tenuta la salva per il ripescaggio degli ultimi due qualificati del Tiro con l'Arco. Alla prima freccia sono quattro su cinque totalizzano il massimo lasciando così il solo Silkend indietro con solo 6 punti. La seconda freccia va allo stesso modo totalizzando ben quattro centri ma se Silkend questa volta fa il massimo dei punti è Shamalaia che manda la freccia sul fondo. La terza freccia conferma al primo posto a parimerito con tre centri Alissha e Raylarian che si qualificano quindi per la finale, Lyamyre tenta di colpire la Raminga mandando la freccia completamente fuori bersaglio, Shamalaia raccoglie un nuovo centro che lo porta a raggiungere ai punti Lyamyre, resta in fondo alla classifica Silkend che con l'ultima freccia colpisce la fascia più esterna del bersaglio.


30 di Kythorn C.V. Anno del Calderone
Terza Giornata dei Giochi di Everlund

La terza gara della Disfida d'Arena si apre con uno sfavorito Kastor Troy che se la deve vedere in un faccia a faccia con Eloisa, in cerca di riscatto dalla sconfitta precedente contro Elemiah.
Raggiunta l'arena, però, Kastor si accorge di non aver letto bene il regolamento della disfida, invocando l'abbandono e fuggendo impaurito. La folla si divide nettamente in due, tra chi ride a crepapelle per il non comune episodio, chi invece getta pomodori marci nell'arena in segno di protesta. La gara si conclude con Eloisa che vince a tavolino e Kastor Troy che si ritira dalle scene della disfida livello apprendisti.

E' pomeriggio, ma gli spalti pullulano come fosse sera in arena e molti in città si lamentano del fatto che garzoni e faccendieri si sian dati malati. Airao scontra Alissha e la sfida fra imbattuti attira pubblico e scommesse.
Tuttavia l'agilità e la leggerezza della funambola devono soccombere alla marziale freddezza del mercenario, che colpo dopo colpo, seppure sempre per un paio di dita, apre le carni di Alissha, mentre lo stocco dell'acrobata trova la difesa di Airao impenetrabile, infatti il mercenario albino non versa una goccia di sangue, né mostra lividi, guadagnando una vittoria immacolata.


29 di Kythorn C.V. Anno del Calderone
Seconda Giornata dei Giochi di Everlund

La seconda giornata del girone degli Apprendisti della Disfida di Arena, si apre con uno scontro che i meno esperti definirebbero impari fin da subito.
L'esile mezzelfo Acul, chierico di Kossuth, sfida all'Anfiteatro una montagna di muscoli armata di ascia bipenne: Graden Kolossal.
In seguito al leggero ritardo, del quale sono più o meno responsabili gli organizzatori del torneo, lo strillone annuncia i nomi dei due combattenti, che entrano nell'arena armati l'uno di ascia, l'altro di una mazza ferrata, oltre che di una grande fede nel dio delle Fiamme.
Il combattimento sta per iniziare e, quando lo strillone urla finalmente il via, Graden attende l'assalto di Acul... che invero tarda ad arrivare. Qualche minuto più tardi, lo strillone decide di sospendere l'incontro, a causa di un malessere accusato dal chierico, che non ha iniziato il duello. Ma chissà,forse si tratta di un semplice trucco. E' certo che la folla non ha per nulla gradito l'atteggiamento e se n'è andato dagli spalti confuso ma sopratutto deluso dal combattimento non svolto.
Vittoria a tavolino di Graden Kolossal, che nella prossima sfida vedrà un avversario ben più ostinato: Eloisa.

La sera invece se è rivelata ricca di sorprese. L'arena è illuminata a giorno e il pubblico scalpita sugli spalti, attendendo una sfida particolare ed eccitante.
Tuttavia, le aspettative di tutti sono smorzate non appena inizia l'incontro tra Raylarian Nymraif e Alex Corvin. I due si studiano, ma nessuno dei due sembra avere un attacco così potente da spezzare l'avversario. Anzi, la mancanza di slancio e di inventiva, rischia di far sbilanciare i due in più di un'occasione. E il pubblico ne risente, ignorando quasi, un colpo micidiale e preciso sferrato dal Capitano.
Una sfida priva di colore ed emozione, conclusasi con la vittoria di Alex Corvin, che, tuttavia, perde il favore dei più e con la sconfitta di un Raylarian che poteva battersi meglio, ma ancora in piedi.

Nel frattempo lo scontro fra Alissha e Bryceson è atteso fa gli amanti della lama sottile, anche se i due sembrano più attenti a non farsi troppo male che a vincere l'incontro. Lo scontro sembra un duello quasi da circo, fatto di finte, controfinte, attacchi mirati... ma niente di tutto questo sembra andare a segno. La vittoria arride ad Alissha, che dimostra una difesa superiore, quasi ultraterrena in certi casi.


28 di Kythorn C.V. Anno del Calderone
Inizio dei Giochi di Everlund

Dopo la cerimonia di apertura dei giochi e il discorso di Lord Draga all'arena si è tenuta la qualificazione della Seconda Salva del Tiro con l'Arco.

Alla prima freccia passa in vantaggio Shamalaia tallonato da presso da Alissha, Alex Corvin e Hinjo. La seconda freccia va male per tutti che mancano il bersaglio tranne il Capitano che infila un punteggio pieno passando in testa. La terza freccia conferma il primo posto di Alex Corvin e l'esclusione di Shamalaia mentre resta il dubbio per Alissha e Hinjo che devono andare ad una freccia di spareggio. I paglioni vengono allontanati e i due si provano con la nuova distanza qualificando Hinjo. Per Alissha e Shamalaia non resta che sperare nella salva di ripescaggio.

La prima gara della Disfida d'Arena è ad appannaggio delle Guardie di Everlund. Si fronteggiano il tenebroso caporale Bryceson Morion e la guardia semplice Straud; il più rapido tra i due è il Caporale che si lancia sull'avversario colpendolo alla coscia. Tuttavia, l'esperienza della guardia è di gran lunga superiore e con due potenti colpi di spada ferisce gravemente il suo superiore, che, imperterrito, compie un altro attacco, a segno, e si pone velocemente alle spalle di Straud. Nonostante la splendida finta, Straud colpisce ancora, e ancora una volta troppo precisamente, tanto da lasciare a terra Bryceson in un mare di sangue.
La sfida si chiude, con il popolo che acclama a gran voce Straud e una chierica helmita che soccorre il Caporale, portandolo nell'Infermeria delle Guardie.

Il duello d'apertura del girone apprendisti della Disfida si apre con due guerriere che sanno decisamente il fatto loro. Elemiah ed Eloisa si fronteggiano al centro dell'arena e dopo un inizio forse un po' noioso, il duello assume una sfumatura di gran lunga più interessante con il susseguirsi dei colpi.
Eloisa sfrutta il vantaggio iniziale per lanciare la propria ascia verso Elemiah, alla quale basta uno scatto di reni per lasciarsela defilare alle spalle. La guerriera umana, invece, risponde con un gesto puramente tecnico: si porta infatti a distanza di ingaggio da Eloisa, ma non attacca, anzi, alza le proprie difese in attesa della mezzorca.
Due scambi ripetuti privi di sangue e, finalmente, la mezzorca apre le danze rosse: un colpo ben portato, con ferocia e velocità, distrugge un pezzo dell'armatura di Elemiah, affondando nelle carni della guerriera.
Guerriera che tuttavia non demorde e, stringendo i denti per il dolore, restituisce un colpo di potenza pari.
La mezzorca però è saggia e preferisce sventolare bandiera bianca piuttosto che rischiare la propria vita per un gioco forse un po' troppo sanguinolento, lasciando la vittoria nelle mani di Elemiah.

La sera di questa prima giornata di Giochi si conclude con l'incontro tra Airao e Straud. La folla tifa spudoratamente per Straud che, usando le due lame, sfrutta al meglio la forza derivante dal tifo, ma è il cinico Airao a prevalere al terzo assalto, forte anche del fatto d'aver preso l'iniziativa e bagnato l'arena del primo sangue. Nonostante una mezza figuraccia per un colpo maldestro Airao costringe alla resa la guardia beniamina della folla.

Nel frattempo si incontrano gli arcieri della Prima Salva. Agli stalli sistemano Raylarian, Thyanel, Lyamyre, Leira e Silkend. La prima freccia porta il massimo punteggio a tutti tranne a Raylarian la cui freccia si perde sul fondo. Alla seconda freccia di nuovo tre centri che valgono dieci punti e che premiano i signori in gara mentre le due signore della gara devono accontentarsi l'elfa di 8 punti e l'attrice di soli 4. La terza freccia decreta la qualificazione diretta di Leira sebbene raccolga solo 8 punti, l'unico a colpire con risultato è Raylarian ma i 4 punti raccolti non sono sufficienti per salire la classifica. Neppure Lyamyre ha abbastanza punti in totale per potersi qualificare, ma Thyanel Il Gatto e Silkend sono a pari punti e si giocano lo spareggio a distanza maggiorata. Il pubblico è entusiasta quando entrambi i concorrenti totalizzano il massimo restando in parità anche se Thyanel guadagna il diritto ad una freccia in più che però non sa fare fruttare. Non resta quindi che allontanare ulteriormente i paglioni effettuando un nuovo spareggio. I contendenti levano le preghiere alla stessa dea Mielikki che questa volta sceglie chi favorire e mentre Thyanel coglie un nuovo centro a pieno punteggio la freccia di Silkend si perde sul fondo. Alla finale accedono così Leira e Thyanel mentre gli altri potranno tentare con la salva dei ripescati che qualificherà altri due finalisti la prossima settimana.


6 Kythorn 1378 C.V. Anno del Calderone
Giochi di Everlund, V Edizione

I messi cittadini hanno finalmente dato la notizia che ormai si attendeva da giorni fra il popolo di Everlund.
Di prima mattina e scortati dalla Guardia del Consiglio, gli Araldi urlano a gran voce:

Popolo di Everlund e cittadini della Marca tutta:

UDITE UDITE!!!

In questo 6° giorno di Kythorn 1378, nell'Anno del Calderone...

Lady Serena Wyndon, col beneplacito dei due triumviri Lord Draga e Lady Marawee

ANNUNCIA LA V EDIZIONE DEGLI ANNUALI GIOCHI DI EVERLUND

Nei prossimi giorni vi sarà possibile ammirare la fiera gioventù delle Marche d'Argento, salutare gli Eroi noti e innalzare a nuova gloria quelli ancora sconosciuti che si misureranno CON L'ARMA BIANCA, L’ARCO, LA FAVELLA, e L'ARCANO.

A lungo rimarranno nella memoria di tutti noi i nomi di coloro che primeggeranno nella

DISFIDA D’ARENA

GARA CON L’ARCO

AGONE POETICO

DUELLO MAGICO



Presso il palazzo del Consiglio avrete la possibilità di far conoscere al popolo festante i vostri nomi e dichiarare la vostra intenzione a raccogliere il guanto della sfida.

Chiunque in quei giorni si troverà ad assistere ai giochi, pur non essendo atleta né lottatore o cavaliere, o più semplicemente amando le SFIDE DELLA MENTE più di quelle dell'arena o del palco, verrà messo alla prova con lo SPACCA CRANI, sfida d'intelletti acuti che si svolgerà non già dinnanzi al pubblico ma per le strade della città tutta e senza limiti di tempo e spazio.

Sono già disponibili i bandi di iscrizione con i regolamenti effettivi delle gare.


Festa di Pratoverde, 3 Mirtul 1378 C.V. Anno del Calderone
Celebrazione della primavera

La Natura si sta risvegliando...il lungo inverno sta lasciando, a poco a poco, il suo dominio sul Nord.

Il Popolo che venera la Natura, che sia appartenente agli umani, o ai Primi Nati, si ritrova in una radura a pregare e a innalzare inni agli dei che proteggono i boschi.

I druidi, sacerdoti della natura, aprono la celebrazione innalzando canti e lasciando le preghiere alla ranger Daedin, al suono del violino del bardo Malakai e al saggio racconto di Raylarian.

Per concludere la degna celebrazione di questa festività, alcuni unicorni nascono dai flutti del Rauvin, prendendo solo i fedeli a Mielikki e cavalcando con loro nella foresta.

E, immediatamente dopo, si apre un banchetto e i festeggiamenti per la Primavera finalmente giunta.


Editto 4 di Ches, 1378 C.V. Anno del Calderone
Miglioramento per la sicurezza cittadina

Si informa la popolazione tutta che per offrire un migliore servizio viene riorganizzato il Corpo delle Guardie come segue:

Il quartiere Elegante, quello Artistico e quello Arcano saranno pattugliati dalle guardie al comando del Capitano Alex Corvin.

Il quartiere Popolare sarà invece di competenza delle forze agli ordini del Capitano Kelton Thuldamer.

I quartieri della Piazza e mercato, Caserme e Duomo saranno invece di competenza mista.

Ciò non toglie che, in caso di bisogno estremo, eventuali guardie non in servizio ma presenti in loco, avranno il dovere di intervenire cedendo però eventualmente il coordinamento alle forze competenti per zona.

Si informa inoltre che le aspiranti guardie potranno presentare domanda presso il Comando del Distretto che preferiscono indirizzando la domanda direttamente al Capitano a cui fa riferimento e che il rifiuto di uno dei due non impedirà la presentazione della domanda all'altro Comando.

Primo Comandante delle Guardie di Everlund
Membro dell'Alto Consiglio di Everlund

Malvin Draga